Categories: Blog Consigli utili

L’importanza di scegliere l’hosting corretto per il sito web del vostro negozio online

Se volete creare, o avete già creato, un sito web per il vostro negozio online, è fondamentale che selezioniate un servizio di hosting adeguato alle vostre esigenze.

La scelta di un buon provider per il sito web può fare la differenza tra un sito di successo e uno fallimentare.
Infatti, non solo un buon hosting influisce sull’esperienza degli utenti, ma è anche la chiave per garantire un buon posizionamento SEO alla propria pagina. E come già vi abbiamo spiegato, la SEO è un fattore a dir poco fondamentale.

Con questa guida, scoprirete tutte le caratteristiche che un buon provider di hosting deve possedere affinché il vostro eCommerce sia in grado di attirare un traffico elevato.

Cos’è l’hosting e perché è importante

Non basta creare un sito perché i clienti possano visitarlo: esso deve essere ospitato su un server che permetta l’accesso a tutti gli utenti del web. È qui che entrano in gioco i provider: essi mettono a disposizione dei server sui quali ospitare la vostra pagina, con la garanzia che essa possa essere facilmente raggiungibile da tutto il mondo.
Se siete interessati all’argomento, qui potete trovare ulteriori informazioni. Ovviamente, non tutti gli hosting sono uguali: così come tutti i servizi di qualsiasi tipo, ve ne sono alcuni migliori di altri e più adatti alle vostre esigenze.

Ecco i fattori per distinguere i provider di qualità.

Buon uptime del sito

Che cos’è l’uptime di una pagina web? Non è altro che il lasso di tempo durante la quale essa è continuativamente online, e “aperta” alle visite.
Purtroppo, per vari motivi (ad esempio di manutenzione) un uptime ideale del 100% non è raggiungibile: ma gli hosting migliori dovrebbero ambire ad avvicinarsi ad esso il più possibile.

I siti che non offrono un servizio costante sono afflitti da diversi problemi. Il primo è banalmente una questione di utenza: specialmente nel caso di una pagina di un eCommerce, i visitatori prediligono ovviamente pagine che non tendono a bloccarsi nei momenti meno opportuni. Un sito con uno scarso uptime tende ad allontanare potenziali clienti. Ma le cose non si fermano qui.

Oltre dai visitatori, una pagina con basso tempo di uptime è penalizzata anche da Google stessa.
È qui che entrano in campo i primi potenziali problemi di SEO: l’algoritmo del motore di ricerca tiene conto, oltre alle parole chiave e ai contenuti, anche all’esperienza degli utenti, penalizzando i siti poco user friendly.
E fra i fattori che sono tenuti in considerazione, c’è anche la continuità del servizio.

Il motore di ricerca assegna un punteggio SEO molto più basso alle pagine con scarso uptime rispetto a quelle che sono online la maggior parte del tempo. Questo è anche dovuto al fatto che i “crawler”, ovvero strumenti di Google che indicizzano tutte le pagine raggiungibili all’interno di un database, potrebbero non trovare la vostra pagina, rendendola temporaneamente introvabile sui motori di ricerca.

Elevata velocità di caricamento

Come si è detto, Google penalizza i siti che offrono agli utenti un’esperienza di utilizzo scadente.
I problemi che si presentano nel caso di uno scarso tempo di uptime si ripresentano nel lento caricamento di una pagina.

La maggior parte degli utenti della rete tollerano al massimo un tempo di caricamento di tre secondi prima di abbandonare il sito. E c’è di più: anche Google, nel suo motore di ricerca, assegna una priorità più bassa alle pagine lente. Fortunatamente, esistono strumenti di Google che consentono di controllare la rapidità del proprio sito.

Ovviamente, fra i vari modi per migliorare queste statistiche, il più immediato è scegliere un buon hosting che sia in grado di offrire una velocità adeguata.

Posizione geografica vantaggiosa

È importantissimo che il server che ospita il sito web sia posizionato in un luogo conveniente. Non solo vicino a voi, ma soprattutto vicino al pubblico che vi aspettate che il vostro sito possa attirare. Più un utente è lontano dal server, più lento risulterà il collegamento con esso. Quindi, se vi aspettate un pubblico italiano, scegliere un servizio di hosting che ha sede in Italia.

Ma come fare se si desidera attirare pubblico da tutto il mondo? La soluzione è sfruttare una CDN (acronimo Content Delivery Network), una rete di server altamente distribuita che permette agli utenti di visualizzare la pagina minimizzando i tempi di attesa.
Se avete intenzione di espandervi, scegliete provider che offrono questa possibilità.

Hosting Dedicato

Diversi provider offrono, ad un minor costo, la possibilità di usufruire di un servizio di hosting condiviso al posto che di uno dedicato. Ciò significa che più pagine web oltre alla vostra sono ospitate sullo stesso server, condividendo lo spazio. Ecco tutte le informazioni sul funzionamento dell’hosting condiviso.

Può sembrare una buona offerta, anche per il costo generalmente ridotto, ma in realtà è sconveniente per diversi motivi. Infatti, più pagine sono ospitate su un singolo server, minori sono le risorse che possono essere dedicate a ciascuna, facendole diventare lente, poco efficienti, tendenti ai blocchi e ai crash. Tutti problemi che devono essere evitati se non si vuole temere la penalizzazione di Google.

C’è anche la possibilità che, a vostra insaputa, la vostra pagina condivida il server con un’altra che, per vari motivi, è giudicata poco raccomandabile dall’algoritmo. Magari pubblica articoli poco pertinenti o fuorvianti, magari esegue truffe o spam.
In ogni caso, c’è la possibilità che, “abitando” nello stesso server, non sia solo tale sito a venire segnalato, ma anche il vostro.

La scelta migliore è, quindi, quella di scegliere un hosting dedicato, che possa allocare tutte le sue risorse al mantenimento della vostra pagina.

Supporto tecnico presente e responsivo

La presenza di un supporto tecnico adeguato è sempre di grande aiuto per risolvere immediatamente tutti i problemi tecnici e garantire la massima ottimizzazione del SEO.
È impossibile eliminare gli imprevisti, ma sicuramente questi dovrebbero essere ridotti il più possibile in ogni maniera possibile. Avere esperti sempre disponibili con cui parlare per risolvere i malfunzionamenti potrebbe, a lungo andare, far scorrere verso l’altro la vostra pagina nelle ricerche di Google in confronto a siti meno efficienti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked*